Inaugurata la Mostra Terra Viva

Stampa Home
Articolo pubblicato il 11/10/2017 alle ore 09:07.
Inaugurata la Mostra Terra Viva 3
Inaugurata la Mostra Terra Viva 3
Inaugurata la Mostra Terra Viva 4
Inaugurata la Mostra Terra Viva 4
Inaugurata la Mostra Terra Viva 5
Inaugurata la Mostra Terra Viva 5
Inaugurata la Mostra Terra Viva 6
Inaugurata la Mostra Terra Viva 6

Taglio del nastro in grande stile, alla presenza del sindaco Pasquale Mazza, sabato 7 ottobre, all’Associazione Museo “Centro Ceramico Fornace Pagliero 1814”, in Frazione Spineto, 61, a Castellamonte  (TO), per la mostra “Terra Viva”. Si tratta di un evento ceramico, ma, anche, un incontro tra oltre 100 opere  d’arte africane in terracotta e altrettante sculture ispirate all’Africa realizzate dall’artista castellamontese Giovanni Matano. “L’idea di questa mostra è nata in me vedendo, per puro caso, un allestimento di Gian Luigi Nicola, figlio del grande restauratore Guido Nicola. Le opere, provenienti dal continente che è culla dell’umanità intera, erano eccezionali ma, al tempo stesso, non ho potuto fare a meno di pensare alle analogie con le opere di Matano. Ne ho parlato con Nicola ed è nata l’idea di una mostra esclusivamente con opere in terracotta per dar vita ad un percorso omogeneo dal punto di vista dei materiali, ma diverso per elaborazione ed interpretazione del messaggio culturale” ha spiegato Daniele Chechi, titolare della Fornace. La kermesse, curata da Gian Luigi Nicola si avvale di partners  d’eccezione: “Adamantio Science in Conservation” il laboratorio di restauro Nicola di Aramengo, il Museo “Castiglioni” di Varese, l’Università “Cattolica del Sacro Cuore” di Milano, la Regione Piemonte, la Città Metropolitana di Torino ed il Comune di Castellamonte. La mostra, visitabile fino al 5 novembre, si arricchisce poi con la “personale” Nino Ventura, ospitata nel cortile interno dell’antico sito, che ben si abbina alle tematiche di ispirazione naturalistica dell’allestimento “Terra Viva” e le esposizioni “collaterali” con le fantastiche creazioni di Violeta Bodea, Gianna Picca Garino, Brenno Pesci e Maria Regi.

Territori

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica