Non sarebbe potuto rientrare in Italia fino al 2021, invece era sul treno fermo in stazione per derubare un passeggero

Stampa Home
Articolo pubblicato il 08/08/2017 alle ore 08:11.
Non sarebbe potuto rientrare in Italia fino al 2021, invece era sul treno fermo in stazione per derubare un passeggero 2
Non sarebbe potuto rientrare in Italia fino al 2021, invece era sul treno fermo in stazione per derubare un passeggero 2

E’ accaduto intorno alle 3 del pomeriggio di sabato, nella stazione di Porta Nuova, alla partenza di un Freccia Rossa, diretto a Napoli. Al Centro Operativo Compartimentale della Polfer giunge la segnalazione di un furto a bordo del treno. Il personale del Settore Operativo Polfer, inviato immediatamente al binario interessato, intercetta un cittadino romeno di trent’anni, in Italia senza fissa dimora che, poco prima, salito sul convoglio, aveva asportato un portafogli dalla borsa di una viaggiatrice; la donna, accortasi di quanto stava accadendo, in attesa dell’arrivo della Polizia, era comunque riuscita a bloccare l’uomo prima che si dileguasse. Il giovane, accompagnato negli Uffici della Polfer, è risultato avere precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, a seguito dei quali, nel novembre del 2016 era stato espulso dal territorio nazionale con accompagnamento immediato alla frontiera e contestuale divieto di reingresso in Italia fino al 2021. Sottoposto a rilievi foto-dattiloscopici presso gli uffici della Polizia Scientifica per completezza nell’identificazione, l’uomo è stato denunciato per furto aggravato e violazione della normativa sul soggiorno e la circolazione dei cittadini dell’Unione nel territorio degli Stati membri. E’ stato poi messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione della locale Questura per i successivi adempimenti.

Territori

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica